SU PSICOTANGO



" Il Tango. Questa ansiosa ricerca di liberta". Rodolfo Dinzel

Psicotango è una teoría nella quale si intende combinare i benefici del tango, come danza di incontro, con la psicologia intesa come sguardo ai corpi che danzano, che parlano.

Si sviluppa attraverso la costituzione di gruppi operativi. Nella pratica della danza, i singoli elementi dei gruppi potranno accrescere le capacità di connessione con se stessi e con le altre persone del gruppo.

Gli esercizi scelti per questa attività sono in generale correlati alla presa di coscenza di se stessi attraverso:

a) un dialogo con il proprio corpo,
b) con il corpo dell'altro nella coppia e
c) con gli altri come gruppo danzante.

La somma di queste tre "coscenze" rappresenta la "matrice iniziatica" del tango; della danza in generale.




Gli incontri di Psicotango non riguardano lo studio di una tecnica di danza in senso stretto, (le figure stereotipate e ripetitive del tango), si orientano al contrario allo sviluppo di un'atteggiamento di "improvvisazione", favorendo l'incontro di un proprio stile scoperto e fissato in maniera originale.

Con la pratica continua, con indicazioni chiare e precise, attraverso esercizi pensati nello specifico per ottenere esperienze di "movimento collettivo" a partire da un'idea di corpo singolo che si muove in un contesto di gruppo, Psicotango ha lo scopo di rendere permeabile il corpo così da favorire l'affioramento dell'anima.

Psicotango è un metodo di approccio alla complessità del corpo che trae spunto teorico da distinte posizioni scientifiche. Le nostre fonti di studio, soprattutto per quanto attiene alla psicodinamica, sono correlate, in particolare, ai lavori di C. G. Jung così come a postulati Gestaltici. Grande importanza teorica hanno gli elementi fissati direttamente durante i seminari dei nostri Maestri di tango; Gloria e Rodolfo Dinzel. Importanti influenze derivano anche dal Metodo di Gruppo Operativo di Pichón Riviére e dalle tecniche di Psicodramma.

I seminari di improvvisazione dei Dinzel, così come le nostre esperienze nei consultori pubblici, ci sono serviti per iniziare a pensare al tango come un "facilitatore di cambiamenti". Nei primi lavori (1) dimostriamo come il tango sia anche oggetto ed opportunità terapeutica, potendolo assimilare alla "pratica generale del gioco". Così come nel gioco, il ballo del tango permette all'essere, usando il medium del corpo, il contatto con l'inconscio. La forma di tale contatto si realizza attarverso l'esperienza di un gruppo in uno spazio dato. Il tango è per definizione ballo in coppia. Le coppie hanno la possibilità di relazionarsi fra loro condividendo il movimento nello spazio fisico del ballo.

Lo sviluppo dei seminari e degli appuntamenti di Psicotango sono un collante attraverso il quale completiamo un circolo di: pratica - teoria/pratica - teoria. Corpi parlano e sono ascoltati; corpi incarnati nei quali si manifesta la vita.

Partiamo dal pensiero che il nostro organismo, se inserito in ambiente "sano", tende a mantenersi in una situazione pressochè constante volta a preservarlo; in tale contesto realizza continue transazioni che lo aiutano a mantenere un equilibrio omeostatico (equilibrio interno stabile). Tale equilibrio è direttamente influenzato dalla coscenza che il corpo ha del corpo stesso.

Prendere coscienza del corpo è per noi sinonimo, fra le altre cose, di attenzione e sviluppo di capacità di concentrazione. La determinazione e la consapevolezza del tono muscolare nei processi di gestione dell'equilibrio e peso, la focalizzazione degli organi, dell'apparato sensoriale, dell'apparata scheletrico sono pratiche che evidenziano una forma "del parlare a se stessi". L'obbiettivo è di armonizzare il nostro corpo, sviluppando l'incontro e la gestione dell'equilibrio (i cosiddetti assi) per poter danzare la vita con l'efficienza massima; l'efficienza - la "competenza" che scegliamo di avere.

Psicotango è un metodo di lavoro basato su elementi semplici che fluiscono dal nostro corpo quando impariamo ad ascoltare e rispettare esigenze e limiti suoi peculiari. Lo spazio, il cerchio del ballo, gli altri corpi sono un "evento", una "circostanza" ritmica non ripetibile (sempre improvvisata, ogni volta relativamente "nuova") che si presenta alla coppia come "problema"; come "limite". La coppia, abbracciata, dovrà trovare una soluzione che rende "valorosa" l'azione del condividere; questa risposta si chiama danza, nel nostro caso si chiama TANGO.

In generale, la missione dei coordinatori di Psicotango è il risveglio di una curiosità. Risvegliare, sviluppare ed accrescere le CAPACITA' DI PERCEZIONE CORPOREA intesa come:

- relazione del corpo con la terra (scarico a terra dei pesi e degli equilibri),
- relazione del corpo con porzioni di spazio non influenzate dalla forza di gravità (scarico non a terra di pesi ed equilibri)
- consapevolezza delle ubicazioni delle energie,
- consapevolezza del tono di muscolatura,
- percezione attraverso la pelle ecc. ecc.

Negli incontri di Psicotango non sono prodotte "interpretazioni psicologiche". L'equipe che segue le attività avrà premura di sviluppare esercizi pratici sempre inerenti la pratica del tango; sarà sempre privilegiato l'elemento corporeo; (ex di azioni corporee: come "profondizzare" un silenzio, accentuare una distanza oppure una vicinanza, ecc. ecc.).

Gli interventi sono destinati a marcare lo STATO PRESENTE, la compresione del tempo presente in cui ha luogo, per eccelenza, la danza. L'ATTUALE del nostro organismo è ciò che interessa negli incontri di Psicotango; coloro che partecipano avranno comunque la possibilità di correlare il presente a situazioni passate/future; in generale è data la possibilità di allargare ed inserire la propria singola esperienza nell'esperienza generale dell'umano ("situazioni archetipe").

Osserviamo differenti "tipi di fenomeni": tensione, sudorazione, irritazione, dolore, stanchezza, pesantezza, rigidità, ecc. ecc. lasciando che ogni individuo riconosca e reagisca a tali indicazioni del corpo. L'equipe di Psicotango è un canale di facilitazione. Chi partecipa agli incontri potrà accogliere alcuni significati che i fenomeni indicati sopra implicano. Si induce una presa di coscienza che sia conoscenza delle nostre condotte; consapevollezza che ha già in sè carattere terapeutico.

Si contiene con difficoltà il processo di INTERROGAZIONE CORPOREA quando questo ha inizio. Si crea una tensione conoscitiva, una curiosità infantile, che porta alla codifica di messaggi corporei; questo può avvenire senza la necessità di giudicare e con una cosequenziale capacità di accettazione. Gli esercizi proposti sviluppano la sensibilizzazione del copro, la possibilità generale di vivere, elaborare e recuperare sensazioni, aprendo il cammino del copro (come MEDIUM ANSIOSO DI LIBERTA') al mondo delle emozioni.

Psicotango è una metodo in crescita non rigidamente fissato che necessità di costanti influenze ed apporti pratici e teorici. Lo abbiamo pensato per accompagnare il lavoro di "professioni" (psicologì, terapeuti, insegnanti di tango, artisti) ma rimane soprattutto, per tutti coloro che praticano TANGO (siano essi esperti oppure ai primi passi), un METODO DI RELAZIONI, uno strumento per una PERSONALE RICERCA TRASFORMATIVA.

 

 
Imagen: Pintura de Estela Bartoli
www.psicotango.com.ar // Te (54-011) 4867-5793 // 4896-4571 // Bs.As. - Argentina